TUTTI I SITI INTERNET DELLA AGL Alleanza Generale del Lavoro

sito EUROPE CHINESE NEWS :
http://www.ihuarenbao.eu

SITO AGL NAZIONALE:

http://agl-alleanzageneraledellavoro.blogspot.it/

SITI DELLE FEDERAZIONI E DEI SINDACATI NAZIONALI DI CATEGORIA ADERENTI ALLA AGL:

£ Commercio,Alberghi,Mense,Servizi (ALCAMS): http://alcams-agl.blogspot.it

£ Chimici,Tessili,Energia,Manifatture (ALCTEM): http://alctem-agl.blogspot.com

£ Legno,Edilizia e Affini (ALLEA): http://allea-agl.blogspot.it

£ Trasporti (ALT): http://alt-agl.blogspot.it

£ Metallurgici (ALM): http://alm-agl.blogspot.it

£ Assicurazioni e Credito (ALAC): http://alac-agl.blogspot.it

£ Agroindustria (ALAI): http://alai-agl.blogspot.it

£ Lavoratori della Conoscenza (ALCON): http://alcon-agl.blogspot.it

£ Lavoratori Pubblici (ALP): http://alp-agl.blogspot.it

£ Atipici e Socialmente Utili (ALASU): http://alasu-agl.blogspot.it

£ Comunicazioni (ALCOM): http://alcom-agl.blogspot.it

£ Pensionati (ALPENS): http://alpens-agl.blogspot.it

£ Inquilini, Assegnatari, Mutuatari (AIAM): http://aiam-agl.blogspot.it

£ Lavoratori America Latina (ALAL): http://alal-agl.blogspot.it

£ Emigrati e Immigrati ((ALEI): http://alei-agl.blogspot.it

£ Cooperative (ALCOOP): http://alcoop-agl.blogspot.it

£ Manager, Professionisti, Alte Professionalità, Dirigenti pubblici e privati (ADIR):

http://adir-agl.blogspot.it

£ Casalinghe (ALCAS): http://alcas-agl.blogspot.it

£ Artigianato e Piccole e Medie Imprese (ALAPMI): http://alapmi-agl.blogspot.it

SITI DEGLI UFFICI NAZIONALI CONFEDERALI AGL:

£ Sicurezza sul lavoro: http://agl-sicurezza-lavoro.blogspot.it

£ Welfare: http://agl-welfare.blogspot.it

£ Consumatori: http://agl-consumatori.blogspot.it

SITI CONFEDERALI DELLE AGL REGIONALI E PROVINCE AUTONOME:

£ Lombardia: http://agl-lombardia.blogspot.it

£ Valle D'Aosta: http://agl-valledaosta.blogspot.it

£ Piemonte: http://agl-piemonte.blogspot.it

£ Veneto: http://agl-veneto.blogspot.it

£ Friuli-Venezia Giulia: http://agl-friuli-venezia-giulia.blogspot.it

£ Trentino: http://agl-trentino.blogspot.it

£ Alto Adige : http://agl-alto-adige.blogspot.it

£ Liguria: http://agl-liguria.blogspot.it

£ Marche: http://agl-marche.blogspot.it

£ Emilia-Romagna: http://agl-emilia-romagna.blogspot.it

£ Toscana: http://agl-toscana.blogspot.it

£ Umbria: http://agl-umbria.blogspot.it

£ Lazio: http://agl-lazio.blogspot.it

£ Abruzzo: http://agl-abruzzo.blogspot.it

£ Molise: http://agl-molise.blogspot.it

£ Puglia: http://agl-puglia.blogspot.it

£ Campania: http://agl-campania.blogspot.it

£ Basilicata: http://agl-basilicata.blogspot.it

£ Calabria: http://agl-calabria.blogspot.it

£ Sicilia: http://agl-sicilia.blogspot.it

£ Sardegna: http://agl-sardegna.blogspot.it

SITI CONFEDERALI AGL ESTERO:

£ Brasile: http://agl-brasile.blogspot.it

£ Arabi: http://agl-arabi.blogspot.it

£ Cina: http://agl-cina.blogspot.it

£ Russia: http://agl-russia.blogspot.it

£ Filippine: http://agl-filippine.blogspot.it

£ Africa: http://agl-africa.blogspot.it

£ Europa: http://agl-europa.blogspot.it

£ India: http://agl-india.blogspot.it

£ Asia: http://agl-asia.blogspot.it

£ Paesi Anglosassoni: http://agl-anglosaxoncountries.blogspot.it

venerdì 18 gennaio 2013

DEL SUICIDIO DELL'IMPIEGATO INCASTRATO DALLA TV


strategia dello struzzo

da "LEGGO"
www.leggo.it

"""""""""Venerdì 18 Gennaio 2013 - 12:50
NAPOLI - Risale quasi esattamente a un anno fa, il 24 gennaio 2012, una puntata di "Striscia la Notizia" in cui l'inviato Luca Abete denuncia una "cattiva prassi al Catasto di Napoli", questo il titolo del servizio.
Le telecamere del tg satirico accusano che nel Catasto partenopeo di via De gasperi gli impiegati accettano "mazzette" per consegnare pratiche a persone che non ne avrebbero diritto perché sprovviste di delega. Con 20 euro la pratica è bella e pronta. Con l'aiuto di una complice munita di telecamera nascosta, si richiede la pratica, che viene inizialmente negata. Basta allungare la banconota azzurra e dopo poco si ottinene il documento. Allo sportello c'è un uomo di mezza età, che viene così smascherato e lo scoop è riuscito.

Quell'impiegato è Lucio Montaina. Alle cinque di mattina di ieri ha aperto la finestra di casa sua, al settimo piano di via Filippo Maria Briganti a Napoli, e si è lanciato nel vuoto. «Questa volta Striscia la Notizia si è macchiata di un'azione di sciacallaggio, Lucio era un impiegato perbene, non era certo uno che chiedeva tangenti, come si vede dal filmato quei 20 euro glieli hanno offerti...». Gli impiegati del Catasto lo conoscevano bene quell'uomo calvo e con i baffi che lascia una moglie e due figli. Non vogliono passare per corrotti e dicono: «È giusto perseguire chi ruba e chi commette illeciti, ma non si può braccare un uomo come se fosse un delinquente. Lucio era una persona perbene, non accettiamo questa condanna televisiva senz'appello».

Lucio era statto licenziato senza neanche un avviso di garanzia, come racconta al Corriere della Sera il sindacalista Salvatore Iossa: «L'amministrazione dell'Agenzia del Territorio l'aveva denunciato e poi licenziato in tronco. Lucio (in realtà era un funzionario di VI livello) aveva presentato ricorso e il giudice del lavoro l'aveva accolto. Reintegrato per qualche mese era stato trasferito ad altro incarico, poi però l'ente aveva presentato appello contro il reintegro e aveva vinto, Montaina era tornato a casa senza un lavoro. Ora stava cercando di arrivare a un'intesa con l'ufficio accettando un periodo di sospensione invece del licenziamento. Domani (oggi per chi legge, ndr) avrebbe dovuto partecipare a un'udienza invece celebreremo il suo funerale»."""""""""

*************************************************************************************
COMMENTO DELL'ALP-AGL:
Questa terribile vicenda deve farci riflettere.
La corruzione nella P.A. è una realtà, molto più grave del fatto oggetto di quell'inchiesta giornalistica. Altro che impiegati di VI livello e altro che 20 euro! Sappiamo tutti che il cattivo esempio viene dall'alto.
Diamo per scontata quindi la condanna, doverosa, di ogni e qualsiasi reato e di quei casi in cui certo giornalismo rischia di arrecare danni irreparabili alla vita di persone deboli e impreparate.
Andiamo oltre. Qui emergono questioni gravi e irrisolte. Innanzitutto l'inadeguatezza degli stipendi dei pubblici impiegati, bloccati da anni. Ed è inammissibile controbattere che si tratterebbe comunque di privilegiati, a confronto di disoccupati, precari e cassintegrati. E' invece una insopportabile umiliazione all'interno della più ampia disavventura che sta colpendo in questi anni il mondo del lavoro dipendente. Se effettivamente la PA non è in grado di pagare adeguatamente i propri funzionari, allora se ne prenda atto, si cambino le leggi e venga abolito l'obbligo di esclusività , dando la possibilità, legalmente e alla luce del sole, a un impiegato pubblico di svolgere un secondo lavoro di qualsiasi tipo. Così come, nel privato, vengano rimossi tutti i vincoli fiscali e burocratici che rendono impossibile muoversi liberamente sul mercato del lavoro. Il lavoro contrariamente a quel che si crede c'è, la gente (ivi compresi i pensionati) vorrebbe darsi da fare ma può farlo solo di nascosto, per non essere ammazzata di tasse, di controlli e di sanzioni disciplinari. Pazienza che venga intaccata la sacralità delle mastodontiche amministrazioni che in realtà imprigionano il nostro Paese e che si avvalgono del lavoro pressochè gratuito (ricambiato con somme che assomigliano più a sussidi che a stipendi ex art. 36 della Costituzione). La gente, le famiglie, devono sopravvivere e gli alti burocrati possono ben stringere la cinghia, per un pò.
Esiste poi un problema di depenalizzazione. E' assurdo che un essere umano debba suicidarsi per 20 euro, dopo che la propria reputazione e la propria vita siano state rovinate e che criminali che si sono venduti (tramite appalti e esternalizzazioni a beneficio di amici generosi) pezzi di pubblica amministrazione (pagata da tutti noi) siano lasciati o indisturbati a godersi pensioni milionarie e ville hollywoodiane che neppure colleghi di pari grado sono riusciti a costruirsi con i risparmi sullo stipendio o scoperti e interpellati solo dopo anni (è un caso?) quando ormai qualunque di questi reati risulta prescritto. Siamo arrivati all'assurdo che chi compie falso in bilancio esce pulito da accuse e chi in un momento di debolezza allunga una mano e accetta 20 euro oppure chi ruba una pera al supermercato viene sbattuto agli arresti.
Altra questione annosa è l'abuso che nella PA da anni viene operato del potere disciplinare che ormai non viene più azionato per interessi pubblici ma per finalità private di coloro che hanno interesse a creare un clima di terrore negli uffici che porti ad omertà e impunità, oltre che al silenzio verso l'esterno.Ricordiamo (anche nel caso di cui trattasi è capitato) che può accadere che vi sia una sospensione e quindi una pressochè totale non corresponsione dello stipendio, anche quando ci sono famiglie monoreddito di mezzo.
Andrebbe poi assicurata adeguata tutela giurisdizionale a chi lavora nello Stato. La difesa gratuita da parte dell'Avvocatura dello Stato va garantita a tutti i funzionari pubblici o a nessuno. Altrimenti si presume, in maniera inaccettabile, che l'alto dirigente possa essere identificato con lo Stato e il cittadino funzionario (che agisce sempre sulla base di ordini e prassi imposte dai superiori) no. E perchè? Per grazia divina? O per alimentare terrore e sottomissione a beneficio di chi nella PA fa affari ben più grossi dei 20 euro di quel poveraccio?
Lotta ai fannulloni, quindi, colpendo chiunque si comporti infedelmente nella PA, sia esso commesso o alto dirigente, riformare la PA a beneficio delle persone più bisognose, non licenziare ma attraverso la mobilità tra amministrazioni e un blocco del turn over legato alla informatizzazione , affrontare eventuali esuberi derivanti da limiti di spesa ma , anche, tornare a una vera contrattazione, sbloccare gli stipendi, aumentandoli significativamente, dando di più a chi lavora di più , eliminare l'assurda distanza tra gli stipendi dei dirigenti e quelli del resto del personale, liberalizzare il mercato del lavoro anche per i pubblici impiegati. Ridare dignità al lavoratore, rivedendo completamente l'esercizio del potere disciplinare e le modalità con le quali l'impiegato pubblico possa far valere i propri diritti, favorendo la crescita dello strumento arbitrale per dirimere le controversie interne.
Non sappiamo se in Italia qualche partito o il futuro governo sia d'accordo su queste proposte, quello che è certo che l'AGL combatterà per tradurle in realtà, nonostante il resto del mondo sindacale si occupi più della propria autoconservazione che del destino degli uomini che lavorano per la Collettività.