TUTTI I SITI INTERNET DELLA AGL Alleanza Generale del Lavoro

sito EUROPE CHINESE NEWS :
http://www.ihuarenbao.eu

SITO AGL NAZIONALE:

http://agl-alleanzageneraledellavoro.blogspot.it/

SITI DELLE FEDERAZIONI E DEI SINDACATI NAZIONALI DI CATEGORIA ADERENTI ALLA AGL:

£ Commercio,Alberghi,Mense,Servizi (ALCAMS): http://alcams-agl.blogspot.it

£ Chimici,Tessili,Energia,Manifatture (ALCTEM): http://alctem-agl.blogspot.com

£ Legno,Edilizia e Affini (ALLEA): http://allea-agl.blogspot.it

£ Trasporti (ALT): http://alt-agl.blogspot.it

£ Metallurgici (ALM): http://alm-agl.blogspot.it

£ Assicurazioni e Credito (ALAC): http://alac-agl.blogspot.it

£ Agroindustria (ALAI): http://alai-agl.blogspot.it

£ Lavoratori della Conoscenza (ALCON): http://alcon-agl.blogspot.it

£ Lavoratori Pubblici (ALP): http://alp-agl.blogspot.it

£ Atipici e Socialmente Utili (ALASU): http://alasu-agl.blogspot.it

£ Comunicazioni (ALCOM): http://alcom-agl.blogspot.it

£ Pensionati (ALPENS): http://alpens-agl.blogspot.it

£ Inquilini, Assegnatari, Mutuatari (AIAM): http://aiam-agl.blogspot.it

£ Lavoratori America Latina (ALAL): http://alal-agl.blogspot.it

£ Emigrati e Immigrati ((ALEI): http://alei-agl.blogspot.it

£ Cooperative (ALCOOP): http://alcoop-agl.blogspot.it

£ Manager, Professionisti, Alte Professionalità, Dirigenti pubblici e privati (ADIR):

http://adir-agl.blogspot.it

£ Casalinghe (ALCAS): http://alcas-agl.blogspot.it

£ Artigianato e Piccole e Medie Imprese (ALAPMI): http://alapmi-agl.blogspot.it

SITI DEGLI UFFICI NAZIONALI CONFEDERALI AGL:

£ Sicurezza sul lavoro: http://agl-sicurezza-lavoro.blogspot.it

£ Welfare: http://agl-welfare.blogspot.it

£ Consumatori: http://agl-consumatori.blogspot.it

SITI CONFEDERALI DELLE AGL REGIONALI E PROVINCE AUTONOME:

£ Lombardia: http://agl-lombardia.blogspot.it

£ Valle D'Aosta: http://agl-valledaosta.blogspot.it

£ Piemonte: http://agl-piemonte.blogspot.it

£ Veneto: http://agl-veneto.blogspot.it

£ Friuli-Venezia Giulia: http://agl-friuli-venezia-giulia.blogspot.it

£ Trentino: http://agl-trentino.blogspot.it

£ Alto Adige : http://agl-alto-adige.blogspot.it

£ Liguria: http://agl-liguria.blogspot.it

£ Marche: http://agl-marche.blogspot.it

£ Emilia-Romagna: http://agl-emilia-romagna.blogspot.it

£ Toscana: http://agl-toscana.blogspot.it

£ Umbria: http://agl-umbria.blogspot.it

£ Lazio: http://agl-lazio.blogspot.it

£ Abruzzo: http://agl-abruzzo.blogspot.it

£ Molise: http://agl-molise.blogspot.it

£ Puglia: http://agl-puglia.blogspot.it

£ Campania: http://agl-campania.blogspot.it

£ Basilicata: http://agl-basilicata.blogspot.it

£ Calabria: http://agl-calabria.blogspot.it

£ Sicilia: http://agl-sicilia.blogspot.it

£ Sardegna: http://agl-sardegna.blogspot.it

SITI CONFEDERALI AGL ESTERO:

£ Brasile: http://agl-brasile.blogspot.it

£ Arabi: http://agl-arabi.blogspot.it

£ Cina: http://agl-cina.blogspot.it

£ Russia: http://agl-russia.blogspot.it

£ Filippine: http://agl-filippine.blogspot.it

£ Africa: http://agl-africa.blogspot.it

£ Europa: http://agl-europa.blogspot.it

£ India: http://agl-india.blogspot.it

£ Asia: http://agl-asia.blogspot.it

£ Paesi Anglosassoni: http://agl-anglosaxoncountries.blogspot.it

giovedì 13 settembre 2012

MONTI DICE: "CON STATUTO DEI LAVORATORI MENO POSTI DI LAVORO" . E' IL "PEGGIORE LIBERISMO"?

Ecco le dichiarazioni di Monti che stanno facendo tanto discutere:
http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/politica/2012/09/13/MONTI-IMPOSTI-COSTI-ALTI-EVITARE-TRACOLLO_7468267.html

Anche noi vogliamo dire qualcosa in proposito.


Se a partire dagli anni Settanta gli italiani decisero di dotarsi di uno Statuto dei Lavoratori evidentemente ciò corrispondeva a delle esigenze di rilevanza storica. Occorreva dare uno sbocco democratico alle proteste del '69.In un epoca in cui opzioni antidemocratiche erano tutt'altro che improbabili.


Monti già allora era professore universitario a Torino quindi parte della classe dirigente di questo Paese. Di qualcuno sarà pure responsabilità se in più di 40 anni l'Italia, paese di punta dell'Occidente, non è riuscita a trovare un equilibrio tra norme di tutela della dignità dei lavoratori e esigenze di sano sviluppo economico.


Monti sa (esperienze di altri Paesi ce lo dicono) che è vero che rendendo insignificanti i diritti dei lavoratori gli imprenditori (certi tipi di imprenditore) potrebbero essere invogliati ad assumere con più facilità ma è evidente che dalla schiavitù l'essere umano non può che ribellarsi, prima o poi, distruggendo in un attimo quanto costruito sull'ingiustizia.


Quindi appare abbastanza sconcertante una affermazione di tal genere in un uomo da tutti ritenuto equilibrato e moderato.


Monti sa bene quali motivazioni hanno portato alla nascita di un certo tipo di Europa unita, all'euro e quale sia il ruolo del potere bancario in questi processi. Non dobbiamo certo spiegarglielo noi. Gli chiediamo solo di avere altrettanto rispetto per la nostra intelligenza di quanto noi ne abbiamo per la sua.


E prima di parlare dei vantaggi di prezzo del passaggio all'euro sarebbe stato opportuno che avesse chiesto scusa a tutti quegli italiani la cui vita fu rovinata dalla speculazione che seguì quel transito, quando di fatto la conversione dei prezzi fu “da mille lire a un euro” , a parità di retribuzioni, con sostanziale dimezzamento del potere d'acquisto. A meno che egli voglia negare la continuità di linea di pensiero tra Prodi e lui (passando per Ciampi, Dini, Amato, ecc.).


Stendiamo poi un velo pietoso sulle considerazioni in materia di sovranità. Anch'esse sono offensive per tutti i comuni cittadini, in particolare per gli elettori , oggi disorientati, di quei partiti di cui Monti vanta il sostegno.


Monti è uomo di idee e si considera uomo di fatti. Ebbene, di fatti per ora ci sono solo: aumento dei prezzi e disoccupazione. Ci dimostri, prima della fine del suo mandato, di riuscire a mettere le mani in almeno una delle crisi aperte. Quella sarda, per esempio. Recupererebbe senz'altro in credibilità.


Infine abbiamo la reazione della Sig.a Camusso la quale tira in ballo il “peggiore liberismo”. Monti non era e non è un socialista e, riteniamo, sia uno dei migliori liberisti in circolazione. Se sta steccando l'esecuzione dell'opera, forse, è perchè chi lo sostiene, tra cui qualcuno molto vicino, politicamente, alla Sig.a Camusso, non gli ha dato uno spartito ma un bigino di diritto del lavoro(quello che gli studenti usano quando non vogliono fare troppa fatica per sostenere un esame e cercano quindi una scorciatoia) . E lui, colpevolmente, si adatta. Ma forse non è neanche colpa degli amici della Camusso, bensì dei loro "genitori" ideologici degli anni settanta che non hanno saputo conservare e dare in eredità i testi completi ai loro discendenti politici i quali, più "terra terra", sono attenti solo alla tutela del “loro” di “lavoro”.